L’onda e il mare

Parole, parole, parole…
Chi sta parlando?
(Questa è la vera domanda)
Quale “io” sta parlando? Quale frammento è al microfono, adesso?

Concentrare l’attenzione su un singolo frammento, cercando di “sistemarlo”, spalmarlo sulla totalità… Che senso ha?
Si può solo osservare il frammento e nello stesso sguardo integrarlo nella totalità: così, senza dargli un nome, il frammento è parte del tutto, l’onda è parte del mare – che l’ha generata, che la contiene.

Il percorso di conoscenza è una via che torna alle origini, e da lì si espande… Dal perimetro della curva al centro, dal centro verso l’infinito, contemporaneamente e senza tempo…

Il tempo e lo spazio sono solo idee
Nessuna catena nel cuore del saggio
Non ha nome l’infinito
Eternità è la voce e l’eco

Basta così poco 
Tutto si ammanta di pace
Basta così poco
Solo un passo indietro

Lamia Barbara

Immagine: Robert Oppenheimer by Lola Dupre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *